Connect with us

Amazon Prime Video

The Boys è tra gli show più visti di Amazon

Pubblicato

il

The Boys Amazon Prime Video

The Boys, la nuova serie Amazon Original che ha debuttato su Amazon Prime Video il 26 luglio 2019, è già un successo.

“Siamo entusiasti che The Boys abbia superato le nostre previsioni di visione nelle sue prime due settimane e sia diventata una delle serie Amazon Original più seguite dai nostri clienti Prime Video. Questo crea grande slancio ed entusiasmo in noi mentre ci prepariamo per la seconda stagione,” ha detto Jennifer Salke, capo di Amazon Studios, in una dichiarazione riportata da CinemaBlend.

Eric Kripke, ideatore della serie tv, ha invece fornito un’anticipazione di cosa dobbiamo aspettarci nella prossima stagione. “Sono più che entusiasta per la risposta alla Stagione 1. E soprattutto, questo mi dà spinta e mi fa lavorare ancora più duro per la Stagione 2. Non voglio che la Stagione 2 faccia le cose più in grande, voglio che vada più in profondità. Una stagione più intensa, più folle, più lancinante, più focalizzata sui personaggi. Il mio unico obiettivo è rendere la Stagione 2 ancora migliore della Stagione 1,” ha detto Kripke.

The Boys era già stata rinnovata da Amazon per la seconda stagione prima ancora dell’esordio della stagione 1.
L’annuncio del rinnovo era giunto in occasione della San Diego Comic-Con International (18-21 luglio).
Contemporaneamente, era stato reso noto che Aya Cash si unirà al cast della nuova stagione, durante la quale interpreterà il personaggio di Stormfront.

Il rinnovo anticipato della serie rispetto alla messa online della prima stagione è evidente della fiducia che Amazon riponeva in questo show. E che è stata ripagata.

correlatoThe Boys su Amazon Prime Video: quando i supereroi non sono eroi

Interviste

Lo sapevi che?

Top Selection

Netflix

Amazon Prime Video

Trending

Blog amatoriale, scritto da Stefano Bellesi. Viene aggiornato senza una periodicità predefinita. Non percepisce ricavi. Le immagini presenti sono riprodotte a soli fini di critica e di discussione e sono © dei rispettivi editori e/o autori aventi diritto.