Connect with us

San Diego Comic-Con 2018

The Walking Dead, Kirkman scherza sul bambino ‘dimenticato’ di Maggie

Pubblicato

il

maggie e il bambino - kirkman spiega tutto

Il premio per la dichiarazione più divertente dei vari protagonisti della San Diego Comic-Con International 2018 spetta, con tutta probabilità, a Robert Kirkman.

Il geniale creatore della serie a fumetti The Walking Dead, nonché produttore esecutivo dell’omonima serie tv, ha scherzato su uno dei ‘misteri’ dell’acclamata serie televisiva: che fine ha fatto il bimbo di cui Maggie è incinta? E’ da molto che Maggie è in dolce attesa, ma il suo aspetto nel frattempo non ha subito cambiamenti che dimostrino la gravidanza, e del bambino in arrivo, quindi, nessuna traccia.

Robert Kirkman , per fortuna, adesso ci ha fornito la spiegazione definitiva, quella che dissipa ogni dubbio, in merito alla lunga gravidanza di Maggie!

“La fattoria dove è nata Maggie – ha detto Kirkman alla platea dei fan della convention californiana – si trova sul luogo dove si è schiantata un’astronave aliena… e l’effetto collaterale è che le donne vicine a quell’astronave portano in grembo i bambini per un periodo di 48 mesi.”
Incalzato da un fan che voleva sapere quando il bambino si sarebbe effettivamente visto, Kirkman ha aggiunto: ”Spoiler della stagione 9: Maggie finalmente ha il suo bambino, e lui ha dei superpoteri. Ha un jet pack, e quando lei dice ‘Vai, Baby, Vai!’, lui decolla. I tipi degli effetti speciali sono rimasti un po’scoraggiati da questa cosa.”

———-

ALTRE NOTIZIE DAL SAN DIEGO COMIC-CON
SU “THE WALKING DEAD STAGIONE 9”:

The Walking Dead 9, arriva la nuova terribile cattiva Alpha

The Walking Dead 9, Andrew Lincoln: “Sarà la mia ultima stagione”

The Walking Dead 9, il (lungo) trailer sottotitolato in italiano

Interviste

Opinioni

Lo sapevi che?

Top Selection

Trending

Blog amatoriale, scritto da Stefano Bellesi. Viene aggiornato senza una periodicità predefinita. Le immagini presenti sono riprodotte a soli fini di critica e di discussione e sono © dei rispettivi editori e/o autori aventi diritto.