Connect with us

Lo Sapevi Che?

Nell’ultimo numero di Doom Patrol, l’intero gruppo di supereroi venne ucciso, spazzato via da un’esplosione

Published

on

doom patrol

Doom Patrol 121Creata dagli scrittori Arnold Drake e Bob Haney e del disegnatore Bruno Premiani, la Doom Patrol è un gruppo di supereroi della Dc Comics che si sentono degli emarginati, dei “freaks” e che vivono i loro superpoteri, acquisiti in seguito ad eventi traumatici, più come una maledizione che una benedizione.
Formano il gruppo Robotman (Cliff Steele, pilota di auto da corsa la cui unica parte del corpo sopravvissuta ad un incidente d’auto è il cervello, inserito in un corpo robotico), Elasti-Girl (Rita Farr, attrice che in seguito ad un’esposizione accidentale a gas vulcanici può espandere o restringere le dimensioni del corpo), e Negative Man (Larry Trainor, pilota della Air Force colpito da radiazioni durante un volo spaziale, costretto dopo l’incidente a vivere con bende che lo coprono interamente, e che dall’incidente ottiene la capacità di proiettare dal proprio corpo e fino ad un massimo di un’ora un essere di energia dai vari poteri). Sono riuniti e guidati dal dottor Niles Caulder (The Chief), uomo dalla mente geniale confinato a vivere su una sedia a rotelle.

La Doom Patrol apparve per la prima volta in My Greatest Adventure 80 del giugno 1963. La collana venne rititolata Doom Patrol a partire dal numero 86.

Ci sono similitudini con gli X-Men. Poiché entrambe le collane uscirono nel 1963 a pochi mesi di distanza l’una dall’altra (prima la Doom Patrol, ma la differenza temporale è molto ridotta), si è discusso su chi abbia eventualmente tratto ispirazione dall’altrui invenzione, senza peraltro giungere ad una conclusione precisa ed inconfutabile. E sempre che eventuali “contaminazioni” creative ci siano state, perché è possibile che Marvel e Dc siano giunte invece ciascuna in totale autonomia alla creazione dei due supergruppi.

Per la Doom Patrol il fato si compie nel numero 121 (settembre-ottobre 1968). In uno scontro con le loro nemesi Captain Zahl e Madame Rouge, il gruppo di supereroi è costretto a trasferire il proprio quartier generale su un’isola dei Caraibi. Qui però vengono raggiunti dal sommergibile con a bordo i due villain e posti di fronte ad una drammatica alternativa. Captain Zahl rivela infatti agli eroi che ha messo una bomba in un piccolo villaggio di 14 abitanti del Maine. L’alternativa è lasciare che l’ordigno distrugga il villaggio, oppure accettare che un’altra bomba, collocata questa volta proprio sull’isola dove si trova la Doom Patrol, faccia saltare l’isola stessa, ponendo così fine all’esistenza del supergruppo. Ed è qui che la Doom Patrol compie il sacrificio estremo e decide di rinunciare alle proprie vite per salvare quelle degli abitanti del villaggio. L’esplosione che segue disintegra il team di supereroi.

Il disegnatore della serie Bruno Premiani e l’editor Murray Boltinoff appaiono all’inizio e alla fine della storia, chiedendo ai lettori di fare il possibile per diffondere la conoscenza dell’albo, far crescere le vendite, tenere miracolosamente in vita la collana.
Al posto di Boltinoff avrebbe dovuto esserci lo scrittore Arnold Drake, che però venne sostituito da Boltinoff  perchè si era appena dimesso per una disputa retributiva con la casa editrice e aveva terminato la sceneggiatura del comic book solo per la sua amicizia con Boltinoff.
Dopo il numero 121, la collana proseguì per 3 numeri, contenenti però solo ristampe: a tutti gli effetti l’ultimo albo riconosciuto della serie è dunque il 121, e la scelta di proseguire per altri tre numeri fu compiuta probabilmente per vedere se l’appello lanciato dagli autori aveva portato a dei risultati o meno.

Doom Patrol 121 rappresenta la prima volta nella storia del fumetto americano in cui una serie si conclude con la morte di tutti i personaggi principali.
Per questo motivo nel 1993 l’albo fu inserito dalla rivista Wizard all’interno di un proprio speciale dedicato ai 100 comics più importanti di sempre.

La Doom Patrol è stata “resuscitata” nel 1977 ed è poi tornata più volte nel corso degli anni, con nuove serie, differenti formazioni, diversi team creativi. Ma niente riuscirà mai a cancellare dalla storia dei comics lo sconvolgente unhappy ending di Doom Patrol 121.

Trending

Sito amatoriale, aggiornato senza una periodicità predefinita. Non persegue finalità di lucro e non percepisce ricavi. Le immagini ivi presenti sono riprodotte a soli fini di critica e di discussione e sono © dei rispettivi editori e/o autori aventi diritto.