Connect with us

Comics News

Fantastici Quattro, ecco il nuovo quartier generale!

Published

on

fantastici quattro sede

I Fantastici Quattro stanno per avere un nuovo quartier generale.
Accadrà nel numero 4 della nuova serie dedicata alle gesta dello storico quartetto, attualmente in corso di pubblicazione in America.
L’albo, scritto da Dan Slott e disegnato da Stefano Caselli, uscirà negli States nel mese di novembre 2018.

Di ritorno sulla Terra e finalmente riunitosi, il favoloso quartetto avrà qualche problema a riprendersi la vecchia base operativa, il Baxter Building, in quanto la troverà occupata da un nuovo, misterioso supergruppo, la cui comparsa era già stata annunciata nei mesi scorsi: i Fantastix!

Se volete dare uno sguardo in anteprima ai Fantastix, fate click sul link di seguito evidenziato.


CORRELATOIl Baxter Building ha nuovi inquilini: i Fantastix!


Non potendo più disporre dell’iconico grattacielo, I Fantastici Quattro si doteranno di una nuova sede, in un palazzo situato al numero 4 di Yancy Street!

La copertina versione regular di Fantastic Four 4 sarà disegnata da Esad Ribic, ma è grazie ad una variant cover dell’albo, confezionata da Valerio Schiti e diffusa dalla Marvel, che possiamo vedere per la prima volta il nuovo edificio.

Nella copertina, oltre alla townhouse, che è l’elemento centrale e di maggior interesse in quanto novità assoluta, si vedono i quattro membri del gruppo intenti a vivere la loro esistenza all’interno della nuova struttura: Ben è impegnato a fare esercizi in palestra, Reed si trova in laboratorio, Sue si gode la lettura di un libro e Johnny è in cucina a farsi uno spuntino. Scene di vita in famiglia per la First Family per antonomasia del mondo dei comics americani.

Ecco la variant cover di Fantastic Four 4.

fantastici quattro sede

Interviste

Opinioni

Lo sapevi che?

Top Selection

Trending

Sito amatoriale, aggiornato senza una periodicità predefinita. Non persegue finalità di lucro e non percepisce ricavi. Le immagini ivi presenti sono riprodotte a soli fini di critica e di discussione e sono © dei rispettivi editori e/o autori aventi diritto.