Connect with us

Comics News

Avengers e Defenders di nuovo assieme nella serie Tarot

Pubblicato

il

Avengers Defenders Tarot

Avengers Defenders: Tarot richiama alla mente emozioni mai sopite.

La nuova limited series, di quattro numeri, uscirà in America a partire da gennaio 2020.
Avrà come protagonisti due supergruppi storici della Marvel Comics: gli Avengers e i Defenders.

Tarot sia avvale di un team creativo formato da Alan Davis e Paul Renaud.
Davis, principalmente conosciuto per la sua attività di disegnatore, è qui impegnato nelle vesti di scrittore, ruolo che ha già più volte ricoperto in carriera.
Paul Renaud è l’autore dei disegni della serie.

Emozioni mai sopite, dicevamo.
I due team di supereroi furono al centro di un leggendario crossover tra le omonime collane, pubblicato dalla casa editrice newyorkese ad inizio anni settanta.
Quella magistrale saga, poi più volte raccolta in volume, si dipanò nel 1973 su Avengers dal #115 al #118 e su Defenders dal #8 al #11.
In Italia la sua prima pubblicazione risale agli Albi dei Super Eroi della Corno.

Di seguito la sinossi della nuova limited series, pubblicata dal sito ufficiale Marvel.


Uno strano e impossibile ricordo perduto dei suoi giorni durante la seconda guerra mondiale guida Namor il Submariner verso il suo compatriota dell’epoca Capitan America, ma i due eroi e i loro rispettivi alleati si ritrovano trascinati in un labirinto di dolore, distruzione e follia causato da Infernal Ichor di Ish’lzog!


La copertina di Tarot #1, con una suggestiva immagine, presenta formazioni di Avengers e Defenders che ricordano esattamente quelle del mitico crossover anni settanta.
Ecco la cover, firmata da Paul Renaud.

 

Avengers e Defenders assieme in Tarot

Tarot #1 sarà nei comic stores americani nel gennaio 2020.

Interviste

Lo sapevi che?

Top Selection

Netflix

Amazon Prime Video

Liste

Trending

Blog amatoriale, scritto da Stefano Bellesi. Viene aggiornato senza una periodicità predefinita. Non percepisce ricavi. Le immagini presenti sono riprodotte a soli fini di critica e di discussione e sono © dei rispettivi editori e/o autori aventi diritto.